Pagine Venete

 

Pagine Venete è il nome del progetto editoriale e media network che comprende questo sito, una sorta di “piattaforma comune dei Veneti consapevoli della loro identità”, con il canale YouTube su cui verranno veicolati i contenuti prodotti dalla nostra comunità di ideali attraverso la partecipazione di chiunque vorrà farlo, una web radio che comincia la sua attività nel 2021, con la bacheca virtuale dei testi su eBook prodotti da “Editrice Marciana srls” e a disposizione di tutti i nostri scrittori. Un progetto mediatico dedicato al popolo dei Veneti per la riscoperta e valorizzazione della loro identità storica, politica e spirituale.

Pagine Venete è partner ufficiale di “Asenblèa Nasionałe Veneta”, associazione che promuove il paradigma della libertà in generale, e in particolare quello dell’autodeterminazione nei territori delle Venezie.

“Asenblèa Nasionałe Veneta” non è un partito e non partecipa ad elezioni. In virtù di questa sua libertà da vincoli di consenso elettorale si sposa con l’azione culturale di Pagine Venete, mirata a valorizzare la cultura, l’arte, la Storia, la lingua, la società civile, l’associazionismo, la solidarietà, la fede, l’intraprendenza, la varietà territoriale, lo spirito di comunità e tutte le peculiarità uniche e specifiche del popolo veneto, sia quello tuttora residente in Patria, sia quello della diaspora determinata dall’emigrazione.

La speranza è quella di creare le condizioni per mantenere costantemente in contatto i veneti che si riconoscono parte della Repubblica Veneta che ieri era indipendente, oggi è subalterna, domani sarà di nuovo indipendente; questo accadrà generando una connessione permanente non solo mediatica, ovvero una comunione spirituale sulle caratteristiche in cui tutti si riconoscono a prescindere dalle diverse idee politiche, appartenenze locali e condizioni economiche.

Il tutto ispirato da un amore per il nostro popolo che deve superare quegli accidenti e quelle questioni che causano la divisione su cui si fonda e sguazza il potere chi oggi ci tiene sottomessi.