di fradel QUINTINO

In sti zorni se leze tanti articoli che i parla del comunismo parché ricore i çento ani da la fondazion del PCI, el Partìdo Comunista Italian che nol esiste pì da 30 ani, da quando che Achille Occhetto el à fato la “svolta de la Bolognina”; ma se vede che par tanti nol xé mìa un fato aclarà e par altri, fursi, val la strofa de la canzon de Ivano Fossati che la dize: “Saremo noi che abbiamo nella testa un maledetto Muro”. El Muro el xé cascà el 9 de Novembre del 1989, ma chi che in tel comunismo avéa catà na religion vera e propria, co la falçe e el martelo al posto del Crocifisso, el partìdo al posto de la Cesa, e i testi de Marx, Mao e Gramsci al posto de le Sacre Scriture, el à dovesto far na rielaborazion completa del so modo de esser, prima ancora che de quel de pensar e de agir.

A ogni modo, anca se ghe xé i nostalgici che, fra rievocazion e rifondazion, i se rifà ancora al comunismo vero e proprio, senza renderse conto che dirse comunisti al dì de ancò el xé un anacronismo come che el sarìa dirse “ghibelini del Sacro Roman Impero” opur “patrizi veneziani de la Republica Serenissima”, un gran numero de persone i xé restài “de Sinistra”, ma in te na maniera dal tuto nova. Lassemoghe ai altri le dissertazion sora al ruolo del comunismo in Italia, visto che in Veneto el xé sempre stà marginal asséi, e concentremose inveçe su come che se à trasformà la Sinistra proletaria e rivoluzionaria in Sinistra “liberal-radical” e progressista, dal tuto desligàda da le problematiche dei laòradori e da le rivendicazion sindacali e convertìa al mondialismo progressista, overo a la ideologia dei veri paròni del mondo.

Cascà el comunismo in Union Sovietica e in tuti i sò Paesi sateliti, i esuli restài senza riferimento i à imbrazzà el capital e l’ocidente. I à sostituìo i veci anticapitalismo e antiborghesia col antifassismo e el antirazzismo, el internazionalismo operaio co la globalisazion, la difesa dei proletari co la difesa de gay, migranti e feministe. El PCI el à cambià par deventar un partìdo radical de massa, un can da guardia del politically correct e del establishment mondial.

Cosa xélo restà vivo ancò del comunismo? La so mentalità. La sinistra dem, liberal e radical la à eredità dal PCI la presunzion de diversità e de superiorità; la pretesa de judicar el mondo senza esser judicài; el razzismo etico, che la xé na forma aberante de suprematismo; la egemonia de la casta, el “Inteletual Coletivo” che el decreta quei che xé i valori e i disvalori de la società. La ideologia la se à fata etica e biopolitica. PC desso el stà par “Politically Correct” e sto codice, derivà dal comunismo e dal jacobinismo, el à trasformà la sinistra in partìdo de le classi riche, del potere global e dei aparati, dei inteletuali e dei magistradi. In sto modo, i se sente tuti da la parte de la razon par dirito assoluto e i pretende de comandar e de esser i detentori del vero, del bon e del justo, considerando tuti “fassisti e indegni” quei che se rifà a la tradizion cristiana opur, pì laicamente, a valori diferenti dai sòi, magari de stampo consevador o anca liberal, ma no statalista. Parché lori, avendo la mentalità da casta e da “partìdo unico”, i xé par la tecnocrazia dirigista e par el Stato che comanda sora a tuto e sora a tuti, adiritura rivando a pensar sta roba a livel planetario, in modo da serar el çercio fra el vecio internazionalismo e el novo mondialismo promosso co la màscara de l’ONU e de le ONG colegàe.

El comunismo vero e proprio, quel che à fato gran dani da par tuto dove che el se à realizà, el xé stà rimosso come se nol fusse mai esistìo, atribuendoghe ogni nefandezza a le sò degenerazion come, par esempio, al stalinismo, concepìo come na “bad company” sora a la qual scaricarghe tute le negatività. A diferenza del nazismo e del fassismo, se parla del comunismo come de un evento archeologico. Po’ dopo te te vardi intorno e te vedi la Cina che la dilaga in tuto el mondo, da noaltri te vedi la sinistra che la comanda anca quando che la perde a le elezion e te capissi che no la xé proprio preistoria e dinosauri. Magari ghe sarìa da farghe sora un pensiero, parché co la scusa che in massa anca desso i razona come se i fusse ancora quei da la falçe e dal martelo, questi i ne comanda e, pian pianèlo, i ne cava ogni dì un dirito, na libertà, un toco de democrazia.