Società, Politica

Andrò al 25 aprile istituzionale con gonfalone e bocolo de rosa

Alessandro Trentin
Alessandro Trentin
24 aprile 2020 | 1 Minuti di lettura

Il 25 Aprile non è solo una festa per la Repubblica Italiana, ma è anche e da molto prima la festa di San Marco.

Come consigliere comunale di minoranza con "Delega alla cultura e lingua veneta" parteciperò al momento di celebrazione istituzionale della ricorrenza e lo farò portando il mio contributo.

Senza alcuno spirito di contrapposizione, anzi, per potenziare il messaggio contro ogni dittatura e limitazione dei diritti civili, di movimento e contro tutti i soprusi, tra i quali il più terribile e cioè l'invio in guerra di una generazione di giovani alla quale i governi del passato hanno rubato il futuro, io porterò con me la bandiera di San Marco, simbolo apolitico e apartitico e di pace.

Depositerò un bocciolo di rosa (tradizione proprio del 25 aprile da molti secoli in Veneto) al monumento dei giovanissimi caduti a causa della vanità e della follia del tiranno, accanto alla corona d'ordinanza delle autorità.

Alessandro Trentin - Consigliere Comunale con delega alla Cultura e lingua Veneta.

Vuoi rimanere aggiornato sugli eventi e le pubblicazioni?

Iscriviti alla nostra newsletter. Non ti invieremo spam, promesso!