di Fradel QUINTINO DA SAN ZENON

El patrono del popolo veneto el xé San Marco Evanzelista. Se sbaja chi che el pensa che el sia solche el patrono de Venezia, parché tute le diocesi sufraganee del Patriarcado de Venezia le à San Marco almanco come compatrono, insieme col patrono de la singola diocesi. D’altra parte, tuto el teritorio che el xèra soto al dominio del Stato da Tera de la Republica Serenissima el se reconosséa par el simbolo del leon co le ale, presente da par tuto in te le piazze e in te i palazzi de quei che podemo ciamar ancora ancò “i Teritori veneti”.

Ma chi xèrelo, san Marco? Se pol dire che el xèra el so “segretario” de san Piero, el Prinçipe dei Apostoli nominà diretamente da Jesù Cristo e primo Papa de la Cesa una, santa, catolica e apostolica. Secondo la dotrina cristiana, el sarìa quel Jovani Marco che vien cità ntei “Ati dei apostoli” del Novo Testamento, che el ghe andava drìo a san Paolo e san Barnaba e che, dopo un screzio co san Paolo (col quale el se sarìa rapacificà in seguito, come che dimostra una de le letere scrite sucessivamente de san Paolo che lo nomina come amigo fidatissimo) el sarìa passà al seguito de san Piero. El quale san Piero nol xèra mìa un omo de letere – el xèra un pescador, come che tuti i sa – e partanto vien façile pensar che ghe servisse un omo istruìo come Marco par scriver le so dò Letere Apostoliche (Novo Testamento) e par tramandar le so memorie del Cristo e dei fati che lo avéa visto protagonista direto al fianco del Verbo incarnà, Dio fatose omo.

El Vanzelo de Marco el xé el pì antico, scrito almanco 10 ani prima de quel de Mateo e almanco 15 prima de quel de Luca che i lo à doperà come base, essendo scaturìo da Piero, par zontarghe particolari, parabole e vicende storiche che à servìo a contestualizar con estrema precision i fati che riguarda la predicazion e la vita publica de Jesù Cristo. Se pol datarlo con sicurezza come scrito fra el 55 e el 65 d.C. e el xé el pì curto dei 3 Vanzeli sinotici (“sinotici” ghe vol dire che i à la medesima otica, overo un testo base comune che te pol lezerlo insieme simultaneamente, sul quale se zonta le particolarità de ognun); el quarto Vanzelo, quel de Jovani, scrito intorno al 90 d.C. dal pì zovane dei apostoli, come che tuti sa el xé composto in modo diverso e el punta prima de tuto sul aspeto teologico, mentre quel de Luca el xé pì storico, quel de Mateo pì sacerdotale e quel de Marco el ponta su la regalità de Cristo; sta ultima roba de la regalità la xé uno dei motivi par cui a Marco ghe vien da sempre associà l’imagine del leon.

De Marco savemo anca che el poderìa esser stà el zovaneto che à scampà nudo quando che i à arestà Jesù, parché el xé un episodio che conta solo che lu e corisponderìa col fato che so mare de Marco la vien consideràda par una de le done che fazéa parte de la cerchia dei apostoli; savemo che el xèra in Italia quando che Paolo el xèra in prezon e quando che Piero el xé rivà a Roma; da Eusebio de Cesarea e da la Tradizion savemo anca altre robe: el sarìa sta invià a evanzelizar la X Regio Venetia et Histria, dove che el à insedià san Ermagora come primo vescovo de Aquileia e acompagnà san Prosdocimo a insediarse come primo vescovo de Padova, tuti e do consacrài a la dignità vescovile diretamente da Piero; la legenda vole che ntel viazo de ritorno el abia sostà in te la laguna dove che ancora no ghe xèra la çità de Venezia, fondàda 4 secoli dopo, e che el abia avesto la vision in sogno de un anzolo che ghe predizeva el fato che el so corpo da morto el averìa riposà in quel posto; savemo che a la morte de Piero el xèra un dei possibili sucessori come capo de la Cesa (el termine de “Papa” ancora nol esistéa), ma che inveçe el sucessore el xé stà san Lino e Marco el xé stà invià in mission a Alessandria in Egito, dove che el à fondà la cesa locale e dove che el xé stà martirizà e sepelìo. La vicenda relativa a come che i so resti i xé rivài a Venezia ntel IX secolo co l’impresa de Bon da Malamoco e Rustego da Torcelo i doverìa saverla tuti, parché la xé parfin rafiguràda da un dei maravejosi mosaici in te la faciàda de la Basilica de San Marco, dove che el xé sepelìo in te la cripta soteranea de la Basilica.